Statuto

Procedure per l'iscrizione

Pubblicazioni

Aggiornamento bibliografico soci (2000-)

Elenco soci

Rassegna stampa istituti Confucio

Comunicazione del Tesoriere

Newsletter

Bandi

Links

 


S T A T U T O

(Registrato al I^ Ufficio Atti Pubblici di Roma, 26/1/1979)

Denominazione, Durata e Finalità
 

Art. 1) E’ costituita l’Associazione Italiana per gli Studi Cinesi (A.I.S.C.). – L’Associazione si prefigge scopi culturali e non ha fini di lucro.

Art. 2) La sua sede sociale è fissata in Venezia, presso la Fondazione Giorgio Cini, Isola di San Giorgio Maggiore. Potrà essere trasferita, per decisione del Consiglio Direttivo, presso centri sinologici universitari o di alta ricerca sinologica.

Art. 3) La sua durata è fissata al 31.12.2029 e potrà essere prorogata con delibera dell’Assemblea Generale dei Soci.

Art. 4) L’Associazione è creata per promuovere e favorire con ogni mezzo l’attività scientifica relativa agli studi sulla Cina e la sua civiltà. – L’Associazione non svolgerà alcuna attività politica.

 

SOCI
 

Art. 5) I soci si distinguono in Soci Ordinari e Soci d’Onore.

- Per diventare Soci Ordinari occorre:

a) Svolgere o aver svolto attività didattica o di ricerca a livello universitario nel campo degli studi cinesi.

b) Essere presentati da due Soci ed accettati dal Consiglio Direttivo che decide inappellabilmente in merito.

c) Versare la quota associativa annuale

 

Soci d’Onore sono personalità nel campo degli studi sinologici, in numero non superiore a 5, a cui l’Assemblea, su proposta del Consiglio Direttivo, conferisce tale qualifica per acclamazione.

Il pagamento delle quote sociali sarà effettuato dai Soci Ordinari prima dell’Assemblea Ordinaria annuale.

La decadenza da Socio Ordinario può avvenire: a) per dimissioni; b) per morosità; c) per delibera dell’Assemblea dei Soci in seguito a comportamento contrario alle finalità dell’Associazione, con maggioranza di due terzi dei votanti.

 

ORGANI SOCIALI
 

Art. 6) Gli organi dell’Associazione sono:

a) l’Assemblea Generale dei Soci

b) il Consiglio Direttivo

c) il Segretario Generale

d) il Collegio dei Revisori dei Conti

 

Art. 7) L’Assemblea Generale dei Soci è convocata dal Segretario Generale almeno una volta l’anno, normalmente il primo sabato di marzo e, comunque, entro lo stesso mese, o, in caso d’urgenza dal Consiglio Direttivo o su richiesta di almeno un terzo dei Soci. La convocazione sarà fatta dal Segretario Generale con lettera raccomandata a mezzo posta o a mano inviata con almeno 15 giorni d’anticipo. E’ ammessa la partecipazione per delega. In prima convocazione l’Assemblea potrà svolgersi con la presenza di 2/3 dei Soci; in seconda convocazione qualunque sia il numero dei Soci presenti.

L’Assemblea delibera a maggioranza semplice dei presenti; è aperta dal Segretario Generale ed elegge il Presidente della riunione; discute e decide sul programma di attività dell’Associazione; approva i bilanci; elegge il Consiglio Direttivo; stabilisce l’importo della quota associativa annuale; delibera l’eventuale espulsione dei Soci.

 

Art. 8) Il Consiglio Direttivo è composto di cinque membri eletti dall’Assemblea Generale fra i Soci Ordinari. Dura in carica per tre anni; si riunisce almeno due volte l’anno; le sue riunioni sono valide con la presenza di almeno tre membri; le deliberazioni sono prese a maggioranza semplice dei presenti; in caso di parità prevale il voto del Segretario Generale.


Il Consiglio Direttivo è eletto a scrutinio segreto. Ogni socio non potrà votare più di quattro nominativi. Il Consiglio Direttivo provvede a:

a) Eleggere il Segretario Generale

b) Eseguire le delibere dell’Assemblea dei Soci

c) Accettare i nuovi Soci

d) Operare per il conseguimento delle finalità associative

e) Amministrare il bilancio dell’Associazione e a tal fine nomina nel suo seno un Tesoriere

f) Preparare il bilancio preventivo e consuntivo che saranno approvati dall’Assemblea dei Soci.

 

Art. 9) La prima riunione del Consiglio Direttivo si svolge entro un mese dall’elezione ed è convocata e presieduta, sino all’elezione del Segretario Generale, dal Consigliere che ha ottenuto il maggior numero di voti.

 

Art. 10) Il Segretario Generale è eletto, a scrutinio segreto, dal Consiglio Direttivo.

Il Segretario Generale è il rappresentante legale dell’Associazione. Egli convoca e presiede il Consiglio Direttivo, convoca l’Assemblea ordinaria e, su incarico del Consiglio stesso o di un terzo dei Soci Ordinari, l’Assemblea straordinaria. Dà esecuzione alle delibere dell’Assemblea e del Consiglio. Adotta provvedimenti di particolare urgenza, che saranno sottoposti a ratifica nella prima riunione del Consiglio Direttivo.

 

 

Art. 11) Il Collegio dei Revisori dei Conti è costituito da due revisori effettivi e da un supplente, che non abbiano rapporto d’impiego con l’Associazione, né facciano parte del Consiglio Direttivo. Provvede a controllare gli atti di gestione, accerta la regolare tenuta dei libri e delle scritture contabili, esamina il bilancio preventivo e consuntivo, redigendo le relative relazioni.

 

 

DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE
 

Art. 12) Il presente statuto può essere modificato dall’Assemblea Generale con la maggioranza dei 2/3 dei Soci. L’Assemblea può, altresì, deliberare lo scioglimento dell’Associazione con la maggioranza dei 2/3 dei Soci.

In caso di scioglimento, l’Assemblea nominerà uno o più liquidatori determinandone i poteri.

Art. 13) I partecipanti alla prima Assemblea, che si svolgerà a Venezia presso la Fondazione Giorgio Cini, il 22 Febbraio 1979, e che interverranno su invito del Consiglio Direttivo provvisorio, avranno diritto, adempiendo agli obblighi sociali, alla qualifica di Socio Ordinario. La quota sociale è fissata, in via provvisoria, in L. 10.000 annue. Il Consiglio Direttivo provvisorio si presenterà dimissionario all’Assemblea di Venezia.
 

 
 

 

 
 

Webmaster


Pagina modificata il       Inizio pagina

 

© AISC 2008-2009